Vino, voci dalla cultura

«Il vino sa rivestire il più sordido tugurio d’un lusso miracoloso e  innalza portici favolosi nell’oro del suo rosso vapore, come un tramonto in un cielo annuvolato».
(Charles Baudelaire, poeta francese, 1821-1867)

Svela il tuo mondo

Bianco o rosso, per la cena? Fate attenzione, la scelta può svelare le vostre vere intenzioni! Il vino rosso infatti coinvolge la sfera emozionale, si beve nei momenti più intimi ed è più legato alla seduzione; il bianco è invece più legato all’aspetto sociale e conviviale e si lega all’allegria, alla spensieratezza, alla semplicità e alla leggerezza di spirito ... - LEGGI TUTTO

Brevi annunci gratuiti



 

La poesia racconta la vita e, come la musica, coglie i risvolti più profondi che sfuggono alle parole comuni. Respiri dell’anima, emozioni, passioni, turbamenti sono narrati dai poeti con parole lievi come la brezza, talora taglienti come la bufera o scolpite come la pietra. Il vino evoca orizzonti interiori, dà colore alla vita, può diventare poesia. E in ogni epoca i poeti hanno parlato del vino per raccontare la vita. Dai piaceri legati al vino degli eroi greci raccontati da Omero ai sogni dei cenciaioli parigini descritti da Beaudelaire, passando per Catullo, Orazio e Lorenzo de’ Medici ...

 fino alle sensazioni evocate da Emily Dickinson, Neruda, Herman Hesse, Borges, Cardarelli e Pavese, la poesia ha accompagnato la storia della cultura oltre che quella dell’uomo. Nel vino sono state cercate salvezze e perdizioni, ispirazioni e dilatazioni della coscienza, morte e risurrezione. La poesia sul vino porta a stappare una bottiglia, le sensazioni visive e gusto-olfattive di un bicchiere di buon vino dilatano le vie del cuore ed evocano altra poesia. Il vino esalta i sensi, suscita emozioni, evoca ricordi, segna momenti particolari, rende lieve l’esistenza.

Come la poesia, il vino è generazione selvaggia e intervento umano, tradizione e creatività, tecnica e passione. Il vino è metafora della vita, con la comune radice vita-vite.

Legate al vino sono testi antichissimi e odierne narrazioni, passando per secoli e secoli di poesia con le più diverse ispirazioni. Innumerevoli testi dei lirici greci come dei grandi autori latini hanno raccontato in versi passioni, emozioni, inquietudini e coinvolgimenti. Anche l’austero Medioevo ha cantato il vino e l’esaltazione collettiva è rimasta scolpita nei Carmina Burana, particolarmente in Quando siano in osteria (In taberna quando sumus). Da Lorenzo il Magnifico a Francesco Redi, da Goldoni ad Alfieri, a Parini segnano la poesia fino alle soglie della contemporaneità. L’Ottocento propone i versi di Beaudelaire e di Emily Dickinson, di Pascoli e di Carducci, degli Scapigliati e dei Decadenti e mille altre voci di poeti. Un canto polifonico che prosegue nel Novecento fino ai nostri giorni, fino al Vento triste di Cesare Pavese e agli anfratti bui delle osterie dormienti di Alda Merini.

Voci senza frontiere hanno cantato il vino e quello che ha rappresentato per l’umanità, in ogni età. Il cinese Li-Po (secolo VII) come il persiano Shahid (secolo X) e l’iracheno Al-Maghribi (XII secolo) e, per pensare ai più vicini a noi, Rilke e Machado, Yeats e Hikmet, Borges e Neruda hanno dedicato versi al vino, continuando una storia che non è certo giunta all’ultima pagina. (Carlo Enrico Pozzoli)

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Le parole del vino

FLOREALE - Profumo di fiori presente in alcuni vini.

TANNINO - Sostanza che deriva dalle bucce e dalle vinacce e poi dal legno delle botti durante l’invecchiamento. Importante per il colore e la conservazione, dà un gusto astringente e ruvido che si attenua con l’invecchiamento.

V.S.O.P. - VerySuperiorOld Pale, acquavite (soprattutto cognac) invecchiata per quattro o cinque anni.

«Sei la vigna…»

Anche tu sei collina / e sentiero di sassi / e gioco nei canneti, / e conosci la vigna / che di notte tace. / Tu non dici parole.

C'è una terra che tace / e non è terra tua. / C'è un silenzio che dura / sulle piante e sui colli. / Ci son acque e campagne. / Sei un chiuso silenzio / che non cede, sei labbra / e occhi bui. Sei la vigna ... - LEGGI TUTTO

Aziende in vetrina

1 euro per andare avanti